Le sibille di Odeja
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Le sibille di Odeja

Forum di cartomanzia gratuita
 
IndiceRegistratiAccedi

 

 Tarocchi di Osho:AFFLIZIONE

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cecilia cartomante

Cecilia cartomante


Messaggi : 7399
Data d'iscrizione : 11.05.13

Tarocchi di Osho:AFFLIZIONE Empty
MessaggioTitolo: Tarocchi di Osho:AFFLIZIONE   Tarocchi di Osho:AFFLIZIONE Icon_minitimeSab Lug 20, 2013 5:36 am

Ritratto di Ananda,cugino di Buddha

Ricorda, questo dolore non ha lo scopo di intristirti. È qui che la gente manca sempre il punto... Questo dolore serve solo a renderti più attento, e questo perché le persone diventano più attente solo quandola freccia penetra profondamente nel loro cuore e le ferisce. Altrimenti non stanno mai all'erta, non sono attente. Quando la vita è facile, comoda, senza problemi, chi se ne preoccupa? Chi si cura di essere attento? Quando un amico muore, esiste una possibilità. Quando la tua donna ti lascia - in quelle notti buie, ti senti solo. Hai amato moltissimo quella donna e hai messo in gioco ogni cosa, e ora all'improvviso se n'è andata. Quando piangi, nella tua solitudine, quelle sono le occasioni in cui, se le usi, puoi diventare consapevole. La freccia fa male: può essere utilizzata. Il dolore non ha la funzione di renderti infelice, serve a renderti più consapevole! E quando sei consapevole, ogni infelicità scompare.


Commento: Questo è il ritratto di Ananda, cugino e discepolo di Gautama il Buddha. Visse costantemente al suo fianco, prendendosi cura di ogni suo bisogno per quarantadue anni. La storia narra che quando Buddha morì,rimase ancora vicino a lui, piangendo. Gli altri discepoli lo rimproveravano per il suo fraintendimento: Buddha era morto pienamente realizzato, avrebbe dovuto gioire. Ma Ananda disse: “Siete voi che avete frainteso. Non piango per lui, ma per me stesso: per tutti questi anni gli sono stato continuamente vicino, e ancora non mi sono realizzato.” Per tutta la notte Ananda rimase sveglio,meditando profondamente e sentendo la sua pena e la sua afflizione. E si dice che all'alba si illuminò. I momenti di grande dolore, di profonda afflizione hanno in sé il potenziale per essere tempi di grande trasformazione. Ma perché questa trasformazione accada, occorre scendere in profondità, toccare le radici stesse del nostro dolore, e sperimentarlo per ciò che è, senza biasimo alcuno né autocommiserazione.
Torna in alto Andare in basso
 
Tarocchi di Osho:AFFLIZIONE
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Tarocchi di Osho:IL MATTO (0)
» Tarocchi di Osho:IL COMPLETAMENTO (21)
» Tarocchi di Osho:MORALE (32)
» Tarocchi di Osho:REPRESSIONE (47)
» Tarocchi di Osho:L'ESISTENZA (1)

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
Le sibille di Odeja :: La tua prima categoria :: LE SIBILLE DI ODEJA :: ODEJA CARTOMANTE :: I TAROCCHI DI OSHO-
Vai verso: